• Decrease font size
  • Reset font size to default
  • Increase font size
  • Qualità
  • Sicurezza
  • Garanzia
  • Rapidità di risposta
  • Diminuzione dei costi
  • Soluzioni Ecosostenibili
  • Utilizzo di materiali riciclabili
  • Risparmio energetico

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/www.firenetltd.it/html/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/www.firenetltd.it/html/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198
Unità UPS PDF Print E-mail

Cos'è un UPS?

I sistemi informatici, che integrano anche centinaia di milioni di transistor, sono estremamente complessi e, per funzionare in modo sicuro, hanno bisogno di una alimentazione elettrica stabile e priva di disturbi.

Questi sistemi però consumano solo il lo 0,9% circa dell’energia elettrica totale. Logico quindi che i produttori garantiscano una qualità adatta al restante 99%. In altre parole, l’energia elettrica fornita non è abbastanza affidabile per computer e simili.

Per questo si mette, tra la rete ed il carico, un apparecchio (gruppo di continuità (UPS) che filtra i disturbi in percentuale più o meno alta, e compensa le cadute di tensione (blackout).

Perché un UPS?

Un gruppo di continuità, ha due funzioni:

  1. Garantire contro le cadute di tensione (blackout) permettendo la continuità delle operazioni, o la loro sospensione ordinata.
  2. Garantire l’eliminazione dei disturbi, in particolare quelli di brevissima durata, (microinterruzioni e impulsi) che possono causare blocchi o malfunzionamenti saltuari del sistema, estremamente difficili da identificare.

Più in dettaglio

Le centrali elettriche sono situate a centinaia o migliaia di chilometri dagli utilizzatori. L’energia viene distribuita per mezzo di reti elettriche che ricoprono interi continenti.  In questo percorso intervengono numerosi disturbi.

Questi possono essere dovuti sia a cause interne alla rete (instabilità di funzionamento, archi elettrici dei commutatori di carico…)  sia a cause esterne (fulmini o perfino, incredibilmente, tempeste solari). Altri disturbi esterni possono essere generati nelle vicinanze dell’utente, da vari tipi di macchinari elettrici (inclusi elettrodomestici o ascensori, e addirittura gruppi di continuità di tipo scadente).

I blackout sono generalmente causati da sovraccarico sulle linee, che sono a volte  sottodimensionate. In tal caso possono entrare in funzione delle protezioni che interrompono temporaneamente l’erogazione. I blackout, oltre a fermare l'attività, cancellano il contenuto della memoria che non è stato ancora registrato sul disco.
Nei casi più sfortunati si interrompe l’attività “interna” del computer, lasciando, in un certo modo, “parti scritte a metà”. In altre parole, i dischi  possono risultare illeggibili.

I disturbi più insidiosi sono quelli che presentano variazioni veloci, come le microinterruzioni e gli impulsi , non vengono arrestati completamente dai filtri, che sono disegnati per il rumore elettrico. In alcuni casi, questi disturbi possono provocare danni all’hardware.

Molto più grave è però il caso in cui i disturbi producono errori nel funzionamento del software. In questi casi si possono manifestare malfunzionamenti casuali difficili da identificare.

Per approfondire: cliccare i link in questa pagina

Il problema della qualità dell’energia elettrica
La qualità dell’energia non è adeguata agli apparati informatici ed elettronici, perché si richiederebbero investimenti sproporzionati rispetto alle dimensioni del mercato, proporzionatamente trascurabile rispetto al totale.
Consulta il Documento.

Disturbi sulla rete elettrica ed effetti sugli apparati informatici
Possiamo tentare un primo approccio ad una presentazione ragionata, tenendo però presente che a tutt’oggi manca una classificazione univoca, e non c’è un accordo completo nemmeno sulle definizioni e durate dei vari disturbi. La stessa imprecisione regna anche per i dati statistici relativi alla frequenza dei disturbi a livello nazionale. I valori eventualmente citati più sotto derivano da una ricerca effettuata vari anni fa in America congiuntamente da Bell e IBM, e devono dunque considerarsi solo indicativi.
Consulta il Documento.

Sicurezza impiantistica nelle filiali bancarie
Le filiali bancarie sono dotate di tecnologie sempre più sofisticate che aumentano l’efficienza, ma sono vulnerabili se cadono le linee di comunicazioni e ci sono problemi di alimentazione elettrica.
Consulta il Documento.

Come si misura la potenza
La misurazione della potenza in corrente alternata non è facile da intuire. Bisogna introdurre il concetto di sfasameno.
Consulta il Documento.