• Decrease font size
  • Reset font size to default
  • Increase font size

Spazio WEB per le tue idee ed i tuoi progetti dedicato al mercato businness:

  • La nuova frontiera dei servizi su misura per la tua azienda
  • Server virtuali dedicati permettono di coniugare elevate performances a bassi costi di gestione
  • Hosting condiviso
  • Hosting dedicato specifico per le tue esigenze
Normative per Reti PDF Print E-mail

Cablaggi Strutturati

Normativa ISO/IEC 11801

Questo standard, molto simile allo standard EN50173, è lo standard internazionale per il cablaggio, differente dagli standard ANSI e EN che si riferiscono al mercato americano ed europeo. Tale standard definisce un generico sistema di cablaggio che è indipendente dal tipo di applicazione (video, fonia, dati) e che deve supportare qualsiasi componente di cablaggio presente sul mercato rispondente a tale standard. Cavi e componenti sono suddivisi in categorie ed il collegamento è definito in modo omogeneo da quattro differenti classi. Le seguenti informazioni rispondono anche alla normativa EN50173. Lo standard suddivide i collegamenti effettuati con cavi di rame in Classi (A, B, C e D), ognuna delle quali supporta una serie di applicazioni. La Classe A definisce le specifiche di sistemi che operano ad una velocità di trasmissione fino a 100 Khz, la Classe B fino a 1 Mhz, la Classe C fino a 16 Mhz e la Classe D fino a 100 Mhz. Lo standard evidenzia poi i requisiti di ritardo di propagazione del segnale, le caratteristiche di impedenza, la perdita del segnale di ritorno, la perdita di conversione tra trasmissione lineare e differenziale e l'impedenza di trasferimento dello schermo. L'affidabilità dei componenti di terminazione è vitale per il sistema. Variazioni delle resistenza dei contatti causate da sollecitazioni operative ed ambientali possono compromettere le capacità di trasmissione del sistema di cablaggio. Questa specifica affronta il problema definendo una serie di test, sottoponendo i prodotti a differenti condizioni meccaniche e ambientali e rilevando qualsiasi variazione di resistenza che si verifichi durante o dopo l'intero ciclo di test. La specifica considera anche i requisiti EMC, incluso le tecniche di schermatura e le procedure di messa a terra.

Normativa ANSI/EIA/TIA 568-A

Lo standard del cablaggio per le telecomunicazioni negli edifici ad uso ufficio. Lo standard ANSI/EIA/TIA 568-A incorpora gli standard TSB36, TSB40-A, TSB53 e definisce un generico sistema di cablaggio per le telecomunicazioni che dovrà supportare un ambiente multi-prodotto e multi-fornitore installato in edifici ad uso ufficio. Esso specifica i requisiti minimi del cablaggio per le telecomunicazioni all'interno di un edificio, includendo le prese per le telecomunicazioni, specificando anche il cablaggio fra gli edifici situati in un area privata, definendone la topologia racco-mandata e le distanze. Il cavo ed i componenti di terminazione selezionati dovrebbero garantire una riduzione minima del segnale fino a 100 Mhz. Sebbene lo standard ANSI/EIA/TIA riguardi principalmente i sistemi non schermati a 100 Mhz, possono essere utilizzati anche i componenti di connessione schermati ed i cavi intrecciati a quattro coppie che rispecchiano i requisiti di trasmissione di questo standard. Esso non include i test in campo dei sistemi, sebbene esista Annex E come guida informativa per i test di canale. Tuttavia ciò riguarda i progettisti e gli utenti finali, non gli installatori. Le Caratteristiche di trasmissione che devono essere misurate comprendono attenuazione e NEXT (NearEnd Crosstalk). Le categorie 1 e 2 sono relative a voce e trasmissione dati a bassa velocità, la Categoria 3 è per applicazioni fino a 16 Mhz, la Categoria 4 fino a 20 Mhz, la Categoria 5 fino a 100Mhz.

Normativa ANSI/EIA/TIA TSB67

Specifiche per le prestazioni di trasmissione per test in campo di sistemi di cablaggio per doppini non schermati. Il TSB67 è il nuovo nome per il Bollettino dei Servizi Tecnici dell'ANSI/EIA/TIA per le verifiche sul campo delle prestazioni dei collegamenti e dei canali. Questo documento specifica in dettaglio i requisiti dei test da effettuare in campo e in generale i requisiti delle relative apparecchiature da utilizzare. L'introduzione al TSB67 sottolinea che la consolidata abitudine di verificare una installazione mediante un test delle connessioni ed un'ispezione superficiale non è più valida. Esso specifica inoltre che gli utilizzatori necessitano di test più approfonditi e completi per certificare che il collegamento supporterà le applicazioni per telecomunicazioni che sono state destinate a funzionare su di un generico sistema di cablaggio. Il TSB67 è scritto per sistemi non schermati, ma dice esplicitamente che può essere usato anche per sistemi schermati. Il TSB definisce due configurazioni di test "Canale" e "Collegamento base". Molti considerano il "Collegamento base" il più importante dei due, dal momento che è definito, ai fini del test, un sistema permanentemente installato. In aggiunta al fatto che ogni coppia ed ogni sua combinazione devono essere testate sia per l'attenuazione che per il NEXT, il TSB67 richiede specificatamente che i test in campo del NEXT siano fatti in entrambe le direzioni.

Normativa EN 50173

Requisiti di prestazione per un generico schema di cablaggio. Questo è ritenuto da molti l'equivalente europeo dello standard americano ANSI/EIA/TIA 568-A. La normativa EN 50173 deriva dallo standard ISO/IEC 11801 ed è ad esso molto simile. Le differenze principali consistono nel fatto che fa riferimento a standard europei, elimina dalla classificazione la "Categoria 4" per cavi e connettori e contiene informazioni dettagliate sui test e le performance dei collegamenti.